Fossombrone, avvisi di garanzia ai tecnici del bocciodromo

salus

Sono stati notificati quattro avvisi di garanzia ad altrettanti tecnici dei lavori di riqualificazione del bocciodromo comunale di Fossombrone. Il sindaco Gabriele Bonci ha dichiarato: <<Ci sono indagini in corso, la Procura farà il suo percorso e noi il nostro, che è quello di terminare l’opera quanto prima. Posso dire che siamo a buon punto tanto che prima di ferragosto faremo un nuovo consiglio incentrato sul bocciodromo e sulla saniti come richiesto anche dalla minoranza. L’avremmo convocato a prescindere anche per parlare della Rems>>. La giunta comunale, il 19 giugno, non ha accolto la richiesta di patrocinio legale chiesto da un dipendente a carico del quale <<è stato aperto il procedimento penale avanti al Tribunale di Urbino in relazione alla violazione della disciplina urbanistica relativamente al bocciodromo>>. Il presunto abuso edilizio riguarderebbe una piccola parte della struttura finita sul terreno confinante di proprietà della Provincia, dove sorge la piscina-palestra. Se tutto dovesse rimanere nei termini attuali è scontato che il Comune avrà modo di trovare l’accordo per superare l’impasse. L’operazione con la Provincia risulta al momento di fatto bloccata dall’indagine in corso.  Per cui anche su questo versante è necessario che trascorra altro tempo. Diversa ipotesi è quella che tira in ballo la delibera comunale n.235 dell’anno scorso relativa alla concessione di ulteriori 100 mila euro alla ditta che aveva vinto l’appalto iniziale. Cifra contestata in quanto non rispettosa delle norme poiché superiore al quinto dell’appalto iniziale stabilito dalla legge. In un contesto di per se stesso agitato, stante l’evolversi della situazione, suonano più che mai rassicuranti le parole del primo cittadino.