Un’esperienza straordinaria: occhiali per non vedere. Provateli

Un’iniziativa di Passaggi Festival della Saggistica e della sezione provinciale di Pesaro dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti

In Italia sono più di 350.000 le persone non vedenti. Ma mentre noi normodotati riusciamo a immaginare la condizione di una persona che non vede affatto, semplicemente chiudendo gli occhi, molto poco sappiamo dell’ipovisione. Eppure nel nostro paese vi sono oltre 1.5000.000 di ipovedenti, cioè persone che hanno una visione annebbiata, distorta, a macchie, doppia, incompleta, non stabile, stancante, oppure una difficoltà nell’identificare i colori e nel controllo dello sguardo accompagnata da un deficit del campo visivo. E allora cosa vuol dire essere ipovedenti, come vede un ipovedente? Lo si può sperimentare a Fano dal 22 al 25 giugno grazie ad un’iniziativa di Passaggi Festival della Saggistica e della sezione provinciale di Pesaro dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti presieduta da Maria Mencarini. Infatti, chi si recherà agli eventi in programma con Rai Radio 3 alla Chiesa di San Francesco (Grandi Classici Ad Alta Voce tutti i giorni dalle 19 alle 21; La notte di Frankenstein con l’attore Tommaso Ragno e lo scrittore Lorenzo Pavolini sabato 24 giugno dalle 22.15 alle 23.15), potrà provare gli speciali occhiali forniti dall’Unione Italiana Ciechi e vedrà esattamente come vede un ipovedente. L’iniziativa è volta a sensibilizzare il pubblico sull’importanza della lettura ad alta voce che non è solo un’esperienza piacevole per i normovedenti ma anche una necessità per gli ipovedenti.

Passaggi Festival- Ufficio Stampa Andreina Bruno