Cagli, Festa della pipa: spazio all’artigianato artistico occasione di sviluppo

salus

Da domani a domenica 11 giugno l’appuntamento con i mastri pipai e i maestri artigiani illustrato dall’assessore Maria Assunta Valeri

“Quello dei mastri pipai e maestri artigiani è un appuntamento importante per l’amministrazione, che si è molto impegnata al fine di dare un’ impronta più incisiva a un evento che riteniamo fondamentale per l’eredità culturale che può lasciare al nostro territorio; infatti ogni manufatto, che prende vita mostra l’abilità dei mastri pipai e dei maestri artigiani e la sua esclusività può diventare ‘alimento’ per uno sviluppo locale”. Parole dell’assessore alla cultura e allo sviluppo economico Maria Assunta Valeri in vista della festa della pipa in calendario dal 9 all’11 giugno. L’assessore ha aggiunto: “In questo lungo periodo di crisi le eccellenze del made in Italy, rappresentano il nostro vantaggio; attraverso questa manifestazione possiamo dimostrare quanto l’artigianato artistico possa costituire una risorsa per l’economia e l’occupazione arginando anche lo sradicamento dai territori d’origine. Un esempio che Cagli può offrire con il mastro pipaio Bruto Sordini che è riuscito a trasformare la sua passione per la pipa in lavoro. Così, per il secondo anno, i pipe maker saranno ospitati a palazzo Berardi Mochi-Zamperoli. Indispensabile – conclude la Valeri – il sostegno di Bruto e Rosaria Sordini proprietari della ditta Res nell’organizzazione di questa manifestazione giunta appunto al suo 17° appuntamento in concomitanza alla 15° edizione della gara internazionale di lento fumo che si terrà nel Salone degli Stemmi del palazzo comunale promossa dal Pipa Club Italia”. Ospite d’eccezione un personaggio che ha svolto un ruolo fondamentale per la diffusione del ballo liscio a livello mondiale nonché appassionato cultore dell’arte del fumare la pipa: Raoul Casadei. Il direttore del nostro teatro, Pascucci, domenica lo intervisterà in piazza Matteotti. Poi spazio alla musica dell’orchestra di Mirko Casadei”.