Fossombrone: abbattuta edicola al cimitero. Danni per 10 mila euro non risarciti

Edicole lungo la strada per il cimitero

I danni ammontano a 10 mila euro. Una delle edicole raffiguranti la Via Crucis, che accompagnano i visitatori al cimitero di Fossombrone dal bivio per il Santuario dei Cappuccini al termine del viale antistante è stata abbattuta da un autocarro. Spiega Dino Rossi direttore della Corale di Fossombrone che tutto è successo “a causa della manovra di un automezzo che ha letteralmente abbattuto l’undicesima stazione. I cocci, accuratamente prelevati e depositati in un locale del Comune, sono ancora in attesa della visita ispettiva di un perito della società assicurativa coinvolta, per la definizione dell’entità del danno arrecato, valutabile in circa diecimila euro. Le quattordici edicole sono state realizzate in arenaria di Sant’Ippolito dai fratelli Ghilardi scalpellini operanti a Fossombrone r progettate da Ubaldo Peruzzi dell’Accademia Costruttori di Firenze che a suo tempo fornì le tavolette in maiolica delle varie stazioni. Si tratta della copia della Via Crucis dipinta dal Tiepolo per l’Oratorio del Crocifisso nella Chiesa S. Polo a Venezia ed erano state restaurate nel 2002 grazie all’esecuzione della volontà testamentaria della signorina Teresa Bonci, affidata al dott. Aldebrando Bucchi che rese disponibile la consistente somma necessaria. Appare evidente quindi quanto stia a cuore al nostro noto benemerito concittadino, un costante interessamento dell’Amministrazione Comunale, affinché il responsabile, pena un gravoso ricorso alle vie legali, provveda presso la propria assicurazione a non temporeggiare ulteriormente per la liquidazione del danno arrecato al prezioso bene culturale, ai fini di un restauro sollecito e riparatore che lo restituisca integro alla pietà popolare di quanti onorano il culto dei morti”.