Teatro col gruppo Fuoritempo: “23:57:30 E’ il tempo e l’ora” sabato 27 maggio

Sabato 27 maggio alle ore 21,00 al Teatro “La Vittoria” di Ostra, il gruppo Fuoritempo porterà in scena “23:57:30 E’ il tempo e l’ora”. Lo spettacolo teatrale analizza la società dei consumi e i problemi generati dal nostro stile di vita, primo fra tutti il riscaldamento globale. Agricoltura e petrolio, energia e trasporti, popolazione, rifiuti, disparità di ricchezza, acqua pubblica e risorse idriche, suolo e vegetazione, riscaldamento globale e scioglimento dei ghiacciai,  sono queste le problematiche che concorrono a rendere i cambiamenti climatici uno degli argomenti più importanti per la comunità umana. Da anni il Gruppo Intergovernativo per i cambiamenti climatici delle Nazioni Unite fornisce ed elabora dati scientifici che attestano l’avanzare dell’effetto serra. Il quinto rapporto delle Nazioni Unite non ha lasciato più dubbi e ha delineato uno scenario di catastrofi imminenti da rimanere senza fiato: moltiplicazione e intensificazione degli uragani, desertificazione di interi continenti, sommersione di regioni e interi stati costieri, instabilità climatiche, migrazioni verso i poli di piante e animali, estinzione di molte specie, diffusione di nuovi contagi. Con questo spettacolo, il Gruppo Fuoritempo giunge alla sua 50esima rappresentazione teatrale. Un cammino iniziato nel 2001 con gli spettacoli “Fuori Tempo” (sul tema della globalizzazione), “La Vita Vale” (sulla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani), “La luce addosso” (sulle armi nucleari) e “Ancora cento passi” (sulle mafie). Lo spettacolo del 27 maggio a Ostra è stato  organizzato grazie al patrocinio dell’amministrazione comunale di Ostra, e vedrà la preziosa collaborazione della Banca Etica, Gruppo Acquisto Solidale “Muracce” e Circolo Culturale La Gioconda/GQuadro. L’iniziativa è completamente gratuita ed è parte integrante della Settimana regionale “Se vuoi la Pace prepara la Pace” promossa dall’Università per la Pace delle Marche.