Sabato 20 maggio: una notte alla scoperta di Fermignano

Palazzo Calistri in corso Bramante a Fermignano

Quanti dettagli importanti della nostra città ci sfuggono quando corriamo da un impegno all’altro, quando guidiamo o siamo distratti dai nostri pensieri? Quanta storia e quanta bellezza perdiamo?

Per questo – organizzata dall’Assessorato alla Cultura di Fermignano, in collaborazione con la Pro Loco e l’associazione ETRA di Pesaro – è nata la manifestazione “SETTE VICOLI E TRE PIAZZE”, nell’ambito della Notte dei Musei nazionale. Un modo diverso di vedere Fermignano, una camminata (in gergo tecnico “walkscape”) per conoscere il territorio e sviluppare la capacità di leggere, attraverso lo sguardo attento ai particolari, le trasformazioni del territorio dal castello delle origini allo sviluppo economico del dopoguerra.

Sono invitati tutti coloro che intendono scoprire curiosità e testimonianze storiche nascoste nei vicoli e tra le mura di Fermignano.

L’appuntamento è alle ore 18 con Emanuela Ivaldi, docente dell’Istuto d’arte di Urbino, che ci guiderà alla scoperta delle testimonianze ancora visibili nel centro storico della storia cittadina. Partendo dagli studi di Giulio Finocchi e dai documenti della bibloteca Oliveriana di Pesaro, che patrocina l’evento, i camminatori potranno interagire con la guida condividendo ricordi e aneddoti dei tempi passati legati ai luoghi visitati.

Giulio Finocchi, profondo conoscitore della storia di Fermignano, racconta: “Sono tante le curiosità su Fermignano che neanche i fermignanesi conoscono. Ben pochi, ad esempio, sanno che all’ingresso della sede comunale in Corso Bramante (in alto a destra) c’è un architrave appartenuto alla casa di un discendente del celebre architetto Donato, con lo stemma di un compasso.”

La porta del morto

E vi siete mai accorti che al numero 11 di Corso Bramante, accanto allo storico palazzo Calistri, si trova una porticina più stretta delle altre? Era la cosiddetta “Porta del morto”, una porticina tipica delle abitazioni medievali che veniva ubicata accanto all’ingresso principale e, rialzata di mezzo metro da terra, serviva per far uscire le bare.

“Il percorso, con tanto di materiale fotografico, sarà disponibile sul sito www.almaloci.com che anche durante la visita permetterà di visualizzare i documenti disponibili direttamente sul proprio smartphone” ci spiega l’ing Perlini di ETRA. “Il percorso,- prosegue Antonella Micaletti, sempre di ETRA – potrà essere utilizzato da cittadini e turisti che vorranno fare la camminata in qualsiasi momento, trovando i punti georeferenziati e indicati in una mappa, con foto e brevi didascalie.”

La conferenza di presentazione dell’evento

A conclusione della camminata si potranno degustare le eccellenze enogastronomiche locali, perché un territorio – oltre che i suoi palazzi e la sua storia – è anche il suo cibo.

Calendario dell’evento:

ore 18.00 ritrovo davanti alla ex stazione ferroviaria in Piazza Giovanni XXIII° e avvio del walkscape

ore 19.15 benvenuto a cura dell’Associazione culturale Luoghi comuni. Lettura de L’elogio del camminatore. Museo dell’Architettura

ore 20.00 Apericena in Corso Bramante (contributo euro 5): partner Calice Divino, Pasta Fresca di Donatella Severi e Trattosteria. Per info e prenotazioni apericena: Pro Loco 0722330523, Lucia 3937050560.