Colli al Metauro: la terza lista annunciata in una lettera aperta a Stefano Aguzzi

salus

“La terza lista è pronta: la Lista dell’Onestà, Umiltà e Coraggio, a tutela dei diritti, di tutti i cittadini italiani, per contrastare il PD ma anche chi facesse finta di essere diverso – scrive Alain Profili in una lettera aperta a Stefano Aguzzi – poiché i diritti vengono prima delle fortune dei singoli, che questo sia compreso o meno”. La premessa: “Ci conosciamo dal 2004 quando facevamo gli operai nella stessa azienda. In questo pasticcio brutto della fusione dei tre Comuni di Montemaggiore al Metauro, Saltara e Serrungarina, da alcuni mesi ti sei proposto, su invito, candidato sindaco del nuovo Comune. Hai lanciato un appello a sostenerti e hai raccolto attorno a te un nucleo di sostenitori. Dalla tua discesa in campo ho costatato e non condiviso che ponevi l’accento sulle questioni burocratiche e amministrative senza cogliere quella che è la questione centrale. Solo in un Paese in crisi totale dove il ceto politico e burocratico inganna quotidianamente i cittadini si può scegliere di dover probabilmente votare per una istituzione la cui esistenza è al vaglio del giudizio della magistratura. Così facendo di fatto stai coprendo le responsabilità del PD, che ha imposto una legge regionale, pur essendo consapevole che sarebbe andata incontro ad un contenzioso lungo e dannoso per i cittadini. Speriamo che il Tar del Lazio annulli l’effettuazione delle elezioni, ed ancora prima che il 12 maggio il Tar delle Marche riconosca la validità del ricorso dei cittadini”. La lettera prosegue: “Per oltre un mese e con il tuo consenso ho cercato, con alcuni amici, di farti capire la centralità del problema dei diritti calpestati dalla Regione Marche portandoti vicino alla costruzione di uno schieramento assolutamente vincente. Quali che siano le ragioni, a tutt’oggi, non sei riuscito a conciliare le esigenze. E’ un fatto grave. In uno dei tanti incontri effettuati, alterato dalla mia insistenza, sei giunto a dirmi che lavoravo per una terza Lista. Ti risposi, con la franchezza del vecchio compagno di lavoro, che avresti saputo da me quando e se la terza Lista sarebbe scesa in campo. Non è mai troppo tardi per capirsi. Resto a tua disposizione”.