Fossombrone ha ospitato l’assemblea regionale dell’Avis

In 250, tra delegati e presidenti delle Avis locali, si sono riunti a Fossombrone per il rinnovo degli organi sociali per il prossimo quadriennio. Nelle Marche i donatori Avis hanno superato quota 55.000. Il meeting, al quale hanno partecipato anche il presidente della Regione, Luca Ceriscioli e la direttrice del Dipartimento Trasfusionale (Dirmt), Maria Antonietta Lupi, è stata l’occasione per offrire un quadro aggiornato sui numeri e l’andamento di donatori e donazioni nella regione, e sui progetti e le iniziative che vedono impegnata l’associazione.

“Il nostro trend è positivo, segno che stiamo facendo un buon lavoro e dobbiamo continuare così. – ha sottolineati il presidente Avis Marche, Massimo Lauri – A livello regionale infatti, nel 2016, i donatori risultano 55.104, in crescita di oltre 1.000 unità rispetto all’anno precedente; quanto alle donazioni, l’anno scorso sono state complessivamente 99.753. Negli ultimi anni, le donazioni totali hanno garantito l’autosufficienza per il fabbisogno di sangue ed emoderivati, e la regione Marche è ai primi posti, a livello nazionale, per rapporto tra donazioni, donatori e popolazione”. Tra i numerosi punti in discussione dell’assemblea: la relazione e approvazione delle attività svolte, la relazione e approvazione del bilancio consuntivo 2016, l’esposizione e ratifica del bilancio previsionale 2017, l’elezione dei componenti del consiglio direttivo, del collegio dei revisori dei conti e del collegio dei probiviri per il mandato 2017-2020, la nomina dei delegati all’assemblea nazionale dell’Avis, in programma dal 19 al 21 maggio a San Donato Milanese.