Mondavio, 300 mila euro per restaurare la chiesa di San Francesco: è il primo stralcio

La Giunta comunale, come promesso, ha approvato il primo stralcio del progetto esecutivo dei lavori di ripristino e restauro della chiesa di San Francesco per un importo complessivo di 300 mila euro. 233 mila 430 per i lavori a base d’asta e 66 mila per somme a disposizione dell’Amministrazione comunale. “Il Comune di Mondavio – sottolinea la documentazione – il 3 agosto dell’anno scorso aveva inoltrato alla Regione Marche richiesta finalizzata ad accedere ai fondi della programmazione europea per la tutela, la valorizzazione e la messa in rete del patrimonio culturale, materiale e immateriale, nelle aree di attrazione di rilevanza strategica tale da consolidare e promuovere processi di sviluppo”. Il 28 ottobre “è stato approvato lo schema di accordo tra la Regione e il Comune di Mondavio per l’attuazione del progetto di ripristino e restauro della Chiesa di San Francesco e per interventi alla rocca roveresca. Sono stati incaricati l’architetto Massimo Buratti di San Michele al Fiume e gli ingegneri Gualtiero Mariotti e Giacomo Mariotti di riuniti in ‘Raggruppamento Temporaneo di Professionist’, per le prestazioni professionali di progettazione, coordinamento della sicurezza, direzione lavori e contabilità del progetto stralcio di ripristino e restauro della Chiesa di San Francesco”.

La Giunta comunale ha preso atto che “il progetto esecutivo presentato assolve a tutte le valutazioni e previsioni di cui alla fase della progettazione definitiva, pertanto il geometra Lucio Gresta, responsabile unico del procedimento, ha accettato l’unificazione progettuale”. Il sindaco Mirco Zenobi (nella foto) ha sottolineato che “il progetto, almeno per questo primo stralcio, prevede prima di tutto il rifacimento del tetto ed interventi di risanamento delle pareti laterali e della facciata. Oltretutto il terremoto ha provocato una crepa che ha consigliato di chiudere la chiesa al pubblico anche se lo stesso provvedimento è sempre stato attuato in inverno perché non è dotata di impianto di riscaldamento”. Il progetto complessivo per la chiesa ammonta ad un milione di euro con attenzione particolare anche al chiostro.