Comitato “No tassa di Bonifica Marche”, ecco i primi ricorsi. Rossi: “Un abuso”

Tassa di Bonifica, il Comitato Regionale “No Tassa di Bonifica Marche” notifica i primi ricorsi e continua la sua battaglia contro il tanto criticato contributo richiesto dal Consorzio. Dopo l’arrivo delle prime cartelle esattoriali di Equitalia, il Comitato ha avviato i primi ricorsi alle commissioni tributarie provinciali. Giacomo Rossi esponente del Comitato così afferma: “I nostri avvocati, l’avvocato Marco Massei del foro di Macerata e l’avvocato Milena Luchetti del foro di Urbino – dichiara Rossi – hanno già provveduto a notificare i primi ricorsi. Ne sono arrivati già a centinaia, dimostrazione che i marchigiani non vogliono piegarsi a questo abuso. Nelle prossime settimane provvederemo a presentare pure gli esposti alle procure, sottoscritti anch’essi da centinaia e centinaia di cittadini”. Continua Rossi: “Chi ancora non ha aderito al ricorso o chi non ha ricevuto ancora la cartella e la ricevesse, può contattarci. Ha tempo entro 60 giorni dal ricevimento della raccomandata o della PEC. Cosa può chiederci Equitalia, visto che il Consorzio non ha nemmeno la dimostrazione di averci inviato i bollettini? E le bonifiche per cui ci chiedono i soldi, sono state dimostrate? Dalla nostra abbiamo pure dei precedenti giuridici molto rilevanti che sicuramente non potranno essere ignorati. Confidiamo che la magistratura ravvisi questo grande abuso. Abbiamo molta fiducia – conclude Rossi – e ringrazio già da ora tutti i componenti del comitato che stanno radunando i ricorsi, nonché tutti i ricorrenti. Lancio l’invito a tutti i cittadini che reputano questa una vera ingiustizia, ad unirsi a noi nella manifestazione che faremo davanti la Regione tra la fine di aprile e gli inizi di maggio. Per ulteriori informazioni potete consultare la nostra pagina FB “No Tassa di Bonifica Marche” dove troverete tutto o potete chiamarci al 3480058169″.