L’orologio della Cittadella suona 776 rintocchi ogni 24 ore… da qualche secolo

L’orologio della Cittadella a Fossombrone

Non sarà un primato da Guinnes ma un calcolo curioso sì quello del maestro di chitarra Gianfranco Biagiotti che per l’orologio della Cittadella, a Fossombrone, ha contato 632 rintocchi per segnare le ore e 144 per i quarti ogni 24 ore. In tutto 776. Domina la vallata dall’alto del colle di Sant’Aldebrando. Un suono squillante che si ode da lontano.  La grande campana dell’orologio é issata nella torre alta 17 metri a strapiombo sul centro storico. Pesa 518 chili e cinque anni è andato in porto l’opera di restauro perché il tetto della torre era fatiscente. Se quella campana fosse precipitata sarebbe finita direttamente sull’edificio comunale o nell’attiguo palazzo vescovile. Con conseguenze disastrose tenendo conto del dislivello di enormi proporzioni. I lavori di consolidamento hanno richiesto 50 mila euro. Stando alle rassicurazioni dello storico, professor Renzo Savelli, la torre esiste dal 1300 e faceva parte della cinta muraria della città. E’ stata trasformata in torre dell’orologio verso la fine del 1400. L’ultima ristrutturazione dell’orologio della Cittadella era avvenuta dopo il secondo conflitto mondiale ed ancora diversi cittadini in vita, allora bambini, si ricordano di quell’intervento. Adesso che l’orologio della Cittadella torna alla ribalta della cronaca sarebbe opportuna un’adeguata manutenzione del sistema d’illuminazione notturna. Suggerimento che merita di essere preso in seria considerazione.