Rifondazione Comunista: “Fossombrone e la Giunta dei 5 Stelle: 9 mesi di niente!”

Sono ormai trascorsi più di 9 mesi da quando il Movimento 5 Stelle ha assunto la guida del Comune di Fossombrone e un bilancio del loro operato è ormai doveroso. Chiediamo perciò ai “grillini” locali se è vero o no quanto segue.
1 – Che finora sono stati convocati solo 5 consigli comunali, di cui uno – quello sull’ospedale – addirittura richiesto dalla minoranza.
2 – Che dal 20 dicembre 2016 il sindaco non ha più convocato il consiglio comunale, che pure deve affrontare problemi importanti come quello del bocciodromo e quello dell’entrata in funzione del Pat al posto del “pronto soccorso”.
3 – Che diversi lavori già finanziati nel bilancio 2016 dalla precedente amministrazione non sono stati realizzati o addirittura cancellati, come il restauro della fontana di piazza Mazzini.
4 – Che il Comune ha perso centinaia di migliaia di euro nel settore dei beni culturali per non aver fatto la richiesta in Regione.
5 – Che di fronte alle critiche della minoranza sul programma quinquennale nessuno dei “grillini” – né sindaco, né assessori, né capogruppo, né consiglieri – ha saputo rispondere.
6 – Che ci sono interrogazioni che aspettano da sette mesi una risposta da parte del sindaco Bonci nonostante i solleciti ricevuti e in totale dispregio della legge che obbliga a rispondere entro 30 giorni.
7 – Che in consiglio comunale l’assessore Della Felice ha dichiarato che le varianti dei lavori al bocciodromo erano del tutto regolari.
8 – Che in seguito è giunta una lettera che denuncia dettagliatamente alcune irregolarità su tali varianti e che a tutt’oggi nessun chiarimento è stato dato dall’Amministrazione Comunale né per iscritto né tanto meno in consiglio.Aspettiamo risposte

Rifondazione Comunista - Circolo di Fossombrone