Nel 2016 la Guardia di Finanza delle Marche ha sequestrato oltre 520 chili di droga

salus

Guardia di Finanza delle Marche: il comandante regionale, generale di brigata Gianfranco Carozza Lotta ha illustrato l’attività svolta dai suoi uomini.  Nel 2016 sono schizzate in alto, +1.700%, le operazioni antidroga: 285 interventi che hanno portato alla denuncia di 68 persone, di cui 41 arrestate, e al sequestro di oltre 520 kg di droga. Un aumento esponenziale legato soprattutto al porto di Ancona, dove invece sono in flessione i sequestri di sigarette di contrabbando: oltre 7 tonnellate, con 11 persone denunciate, di cui due arrestate. Sequestrati oltre sei tonnellate di prodotti alimentari scaduti, contraffatti o in violazione delle norme sul Made in Italy e 3,6 milioni di prodotti contraffatti o pericolosi Sono state svolte 645 indagini di polizia giudiziaria, 592 verifiche e 1.383 controlli fiscali, con 454 denunce per oltre 490 reati di natura tributaria. “Operazioni svolte – ha sottolineato il col. Carozza – con attività di intelligence, controllo del territorio, banche dati”. Individuati 78 casi di frodi di Iva, 12 di evasione fiscale internazionale, scoperti 346 evasori totali, con il sequestro di disponibilità patrimoniale finanziarie per quasi 20 milioni di euro. Tra le altre attività, oltre all’individuazione di 496 lavoratori in nero, anche 181 violazioni in materia di carburanti agevolati. Nel contrasto delle frodi a carico del bilancio nazionale e della Ue le Fiamme Gialle delle Marche hanno effettuato 196 interventi, accertando circa 5 milioni di euro di contributi indebitamente percepiti o richiesti. Segnalati alla Corte dei Conti danni erariali per quasi 73 milioni di euro a carico di 184 responsabili. Sono 74 le persone denunciate per reati contro la pubblica amministrazione, mentre ammontano a 28 milioni le irregolarità scoperte per appalti pubblici, con 12 denunce. Nel 2016 la Guardia di Finanza ha accertato il riciclaggio di somme di denaro per un importo di circa 22 milioni di euro, con 27 denunce, l’autoriciclaggio di oltre 6 milioni di euro, con 5 denunce. Segnalate inoltre 700 operazioni sospette. Nove le operazioni antiusura, «un crimine particolarmente odioso perché fa leva sui bisogni delle famiglie nei tempi di crisi» ha sottolineato Carozza -, tre arresti e il sequestro di oltre 600 mila euro. Nel 2016 le Fiamme Gialle hanno sequestrato quasi 2.500 tonnellate di rifiuti industriali stoccati su oltre 18 mila mq di superficie tra immobili e aree adibite a discariche abusive.