Frontone, a caccia di antenati con l’associazione La Radica

Si tratta di un laboratorio pratico per ricostruire l’albero genealogico della propria famiglia

L’associazione La Radica di Frontone organizza per il mese di aprile “A caccia di antenati”, un laboratorio pratico per ricostruire l’albero genealogico della propria famiglia. Il corso prevede tre incontri della durata di due ore ed una visita all’Archivio di Stato di Pesaro che conserva documenti genealogici che riguardano gli abitanti del nostro territorio. Il laboratorio sarà tenuto dalla dottoressa Sandra Di Orazio, bibliotecaria e formatrice professionista appassionata di genealogia. “A caccia di antenati” permetterà ai partecipanti di: conoscere i documenti che devono essere ricercati per ricostruire il proprio albero genealogico in piena autonomia, impostare una strategia di ricerca, conoscere le banche dati che conservano i documenti di interesse genealogico, legare la propria ricerca al contesto storico, sociale ed economico in base all’epoca di riferimento. “A caccia di antenati” è un laboratorio di livello base adatto a tutti coloro che non hanno mai fatto una ricerca familiare, perché la genealogia non è una materia riservata solo a ricercatori esperti ma può essere alla portata di tutti.
L’associazione La Radica (termine dialettale per “radice”) che promuove la cultura e le tradizioni di Frontone, propone questo laboratorio per perseguire uno degli scopi dell’associazione: scoprire le proprie “radici”. Il laboratorio sarà l’inizio di un percorso che permetterà ai partecipanti di riscoprire le proprie origini, conoscere i fatti di storia locale che hanno coinvolto la propria famiglia, e magari trovare i legami che uniscono gli abitanti dei nostri territori con i discendenti che ora vivono all’estero. Il laboratorio è aperto a tutti e verrà attivato al raggiungimento del numero di partecipanti previsto, le lezioni si svolgeranno una volta alla settimana indicativamente nei mesi di aprile-maggio 2017. Per informazioni ed iscrizioni è possibile rivolgersi a Daniela 335 442456, Marta 335 8019502, Patrizia 333 2786886, Massimiliano c/o Panificio del Catria o scrivere a acacciadiantenati@gmail.com.