Tagli, anche l’assemblea dei sindaci appoggia il presidente Tagliolini sull’esposto presentato alla Procura della Repubblica

Nella riunione di questa mattina è stato dato mandato al Presidente di compiere ogni azione e intervento ritenuti idonei. Tagliolini: “Dobbiamo avere risorse per gestire strade e scuole, ne va della sicurezza dei cittadini”

L’assemblea dei sindaci, riunitasi questa mattina, ha aderito, con la sola astensione dell’assessore del Comune di Fossombrone Paolo Della Felice, all’iniziativa del presidente della Provincia Daniele Tagliolini che ha presentato, dietro approvazione del consiglio provinciale, un esposto cautelativo alla Procura della Repubblica, alla Prefettura e alla sezione regionale della Corte dei Conti contro i tagli insostenibili a cui sono sottoposte le Province, “affinché vengano valutate eventuali condotte illecite omissive e/o commissive”. Come ricordato da Tagliolini ai sindaci, ormai da quasi tre anni i prelievi forzosi dello Stato dalle casse della Provincia (ben 17 milioni di euro solo nel 2017) non consentono di garantire la corretta manutenzione delle strade e delle scuole, funzione affidata alle Province stesse dalla legge di riforma. Avendo mantenuto con il referendum piena dignità costituzionale, questi enti devono avere quell’autonomia finanziaria prevista dall’art. 119 della Costituzione. “Se lo Stato mantenesse sul territorio quei 17 milioni di euro che ci vengono tolti – ha evidenziato Tagliolini -, si potrebbero asfaltare 400km di strade l’anno o realizzare nuove scuole”. I sindaci hanno poi dato sostegno a Tagliolini nella volontà di coinvolgere vari assetti istituzionali in questa battaglia per garantire servizi al territorio, cercando anche il supporto dei consigli comunali e dei dirigenti scolastici “affinché siano con noi nel pretendere servizi adeguati per i cittadini”. Al riguardo hanno dato mandato al presidente di compiere ogni azione e intervento ritenuti idonei.

Ufficio stampa Provincia Pu - (G. R.)