Il progetto “Risonanze Echi del Catria” entra nel vivo. Uomo e montagna, se ne parla a Fonte Avellana

Dopo l’assegnazione di tre borse lavoro, ecco un primo incontro in calendario il 25 e il 26 marzo all’eremo di Fonte Avellana. Tema della due giorni “Vibrazioni a confronto”. Interverranno l’abate Gianni, la monaca buddista Cristiana Costa (Ciampa Tsomo) e Americo Marconi

Il progetto “Risonanze Echi dal Catria” curato dall’Asd Ijshaamanka-Mi La Danse entra nel vivo con il finanziamento delle prime attività aventi quale comune denominatore il rapporto tra l’uomo e la montagna. Un primo importante passo si è avuto con l’assegnazione di tre borse lavoro in concertazione con la Regione, due rivolte a soggetti che cureranno l’attività del progetto e una a un terzo che curerà tutto il comparto grafico, dalla stesura dei manifesti alla realizzazione delle cartoline e quant’altro. In quest’ottica il lavoro si finalizzerà grazie al supporto dell’Azienda speciale consorziale del Catria. Dalle borse lavoro al primo momento di incontri in calendario il 25 e il 26 marzo all’eremo di Fonte Avellana. Tema della due giorni “Vibrazioni a confronto”. Interverranno l’abate Gianni, la monaca buddista Cristiana Costa (Ciampa Tsomo) e Americo Marconi, autore di vari testi incentrati sulla spiritualità e sulla meditazione, ovvero gli aspetti salienti dell’appuntamento di Fonte Avellana. Un viaggio approfondito dove da una parte c’è l’uomo e dall’altra la montagna, uniti da una relazione millenaria. Nell’occasione sarà presente anche la Regione. Ad aprile, sempre nell’ambito del ReC altri appuntamenti in calendario. Il progetto prevede incontri che spazieranno dalla musica, con i creatori del festival “Scheggia Acustica”, alla danza, con docenti e coreografi internazionali, dal teatro, con un regista di spessore nell’ambito del teatro contemporaneo ad altro ancora.