L’8 marzo è tutti i giorni, gli appuntamenti della giornata internazionale della donna a Fermignano

Gli appuntamenti a Fermignano che celebrano e ricordano la giornata internazionale della donna 

Al via le numerose iniziative patrocinate dall’amministrazione comunale che celebrano e ricordano la giornata internazionale della donna a Fermignano. Prima a partire l’associazione di psicologia e sessuologia De.sidera  che insieme a Milena Scaramucci di caramilena.com  presenta “La grammatica femminile”, una rassegna culturale di tre incontri connessi al tema dell’essere donna. Il primo appuntamento, tenutosi il 2 marzo, ha visto la partecipazione di Alessio Torino che con la sua “Tina” ha provato a “cercare le parole” per parlare di femminilità. I prossimi appuntamenti, previsti per giovedì 9 e 16 marzo alle ore 20.45 presso la Sala Bramante tratteranno rispettivamente le “Parole da non dire” a livello esperienziale e “La parola femminilità” assieme a Daniela Barbaresi, segretaria generale CGIL Marche e Commissaria Pari Opportunità della Regione Marche. Sabato 11 marzo, presso il Museo dell’Architettura, sarà la volta dell’associazione Mirasalus che organizza per le ore 17.00 una conferenza sugli “Alimenti della salute per contrastare le patologie, in particolare quelle femminili”; l’iniziativa che prevede un’esposizione di prodotti artigianali naturali, sarà anche un’occasione per conoscere alcune realtà femminili che operano nel territorio. Gli eventi promossi dall’amministrazione comunale per il mese di marzo sono due e ricordano altrettante donne che hanno lasciato un segno nella storia sociale e culturale del nostro paese: la pedagogista Maria Montessori  e l’attrice Eleonora Duse. La prima sarà oggetto di un incontro a lei dedicato venerdì 17 marzo presso la sala Monteverdi, a partire dalle ore 21.00 e venerdì 24 marzo, alla stessa ora e nella stessa sede si parlerà della grande attrice novecentesca. Tante dunque le iniziative per questo mese di marzo, ma altrettante e ancor di più mi auguro possano essere quelle che verranno proposte durante tutto l’anno perché, come ricorda lo slogan fatto proprio dall’amministrazione, l’8 marzo è tutti i giorni e l’essere donna, con tutte le difficoltà che esso comporta, non deve tornare alla ribalta solo in occasione di una singola data, ma sempre e semplicemente,  perché chi è donna, lo è tutti i giorni.