Avanti col nuovo ospedale Marche Nord e con servizi di qualità a Fano

Il Pd di Fano nei mesi scorsi ha difeso con forza il progetto di riforma sanitaria della Regione che prevede la realizzazione di un nuovo ospedale Marche Nord di 2° livello – alta specializzazione, con la finalità di offrire a questo territorio servizi sanitari di qualità, evitando che i cittadini siano costretti a rivolgersi fuori regione. Alcune forze politiche hanno cercato di strumentalizzare il tema della sanità, giocando sulle paure dei cittadini e paventando la perdita dei servizi. Si è anche cercato di rialzare i muri tra le città di Fano e Pesaro, portando il tema della localizzazione della nuova struttura ospedaliera sul terreno dello scontro muscolare, perdendo di vista l’obiettivo vero: offrire finalmente a questo territorio una offerta sanitaria capace di arginare quella mobilità passiva che ha raggiunto livelli insostenibili. Oggi che è stato avviato l’iter per la realizzazione del nuovo ospedale a Muraglia riteniamo fondamentale che la città di Fano definisca chiaramente con la Regione tutti quei servizi che dovranno rimanere attivi a Fano sempre nell’ambito di Marche Nord. In particolare nel presidio ospedaliero del Santa Croce i cittadini fanesi dovranno usufruire di un pronto soccorso funzionale, in grado di gestire i codici rossi, di una medicina d’urgenza e accettazione, della diagnostica complessa e di laboratorio, di una centrale operativa dell’emergenza, della lungodegenza post-acuzie e della riabilitazione intensiva e di tutte le attività ambulatoriali. Per il Pd di Fano non si tratta dunque, come sostengono alcune forze politiche, di difendere le funzioni attuali del Santa Croce ma piuttosto di rilanciarlo in una veste nuova, di qualità, di specializzazione secondo standard sanitari innovativi e competitivi. Sosteniamo inoltre quanto dichiarato dal vice presidente del Consiglio regionale Renato Claudio Minardi sulla necessità che la Regione si faccia carico di garantire le risorse necessarie per realizzare un potenziamento della viabilità verso Pesaro. Queste, insieme ai fondi per le opere accessorie alla terza corsia dell’A14, porteranno infrastrutture viarie di portata storica per Fano, risolvendo definitivamente i problemi di circolazione della nostra città. Riteniamo inoltre che la Regione individui a Fano, nell’area di Chiaruccia, la localizzazione per la realizzazione di una nuova clinica privata convenzionata che arricchirà ulteriormente l’offerta sanitaria di questo territorio con servizi di alto livello, completamente gratuiti per i cittadini, oggi spesso costretti a andare fuori regione. Chiediamo pertanto al sindaco di Fano Massimo Seri di attivarsi subito con il presidente Ceriscioli al fine di siglare a breve termine un protocollo dettagliato e vincolante con la Regione Marche che stabilisca con precisione il ruolo del Santa Croce nell’ambito della nuova organizzazione di Marche Nord, definisca il progetto di viabilità e le risorse collegate e individui a Fano il sito per il nuovo ospedale privato convenzionato. Si tratta di un’occasione storica che la nostra amministrazione comunale deve cogliere, sapendo che potrà imprimere una svolta vera e di grande respiro su temi di primaria importanza per il futuro di Fano.

Il segretario del Pd di Ignazio Pucci