Il progetto delle associazione Pionieri e Falchi d’Italia per recuperare pubblicazioni storiche

Domani la presentazione alla biblioteca Bobbato di Pesaro alle ore 16.30. Interverranno docenti universitari e l’ideatore Carlo Zaia. Una mostra fino al 9 marzo accompagna l’evento

E’ un progetto iniziato nel dicembre 2014 e che domani sarà presentato a Pesaro alle ore 16,30 alla biblioteca Bobbato di Pesaro (Galleria dei Fonditori). Tutto nella finalità di ripercorrere la storia sotto forma di fumetto avvalendoci delle associazione Pionieri e Falchi d’Italia. Materiale recuperato da Carlo Zaia, segretario del comitato ricerche Associazione Pionieri con un lavoro certosino che appunto vedrà la luce domani.  Una serie di pubblicazioni che profumano di storia. Dice Zaia: “Attraverso tre siti internet (www.ilpioniere.org,  www.ifalcorosso.it e www.pioniere.cloud) abbiamo pubblicato tutto il materiale recuperato, ovvero il Pioniere periodico in varie edizioni, Il Falco Rosso, documenti e fotografie. Vorremmo far presente che dei venti anni di pubblicazioni e di attività dell’Api e dell’Afri non esiste nessun archivio generale che possa dare una visione organica sulla storia di quel periodo che va dal 1949 al 1970 in cui l’associazione Pionieri d’Italia e l’associazione Falchi Rossi Italiani avevano sviluppato un progetto educativo per i ragazzi dagli 8 ai 13 anni e che poi continuò negli anni ’70 con la nascita dell’Arci Ragazzi. Gianni Rodari (scrittore per ragazzi), Dina Rinaldi (direttrice di Noi Donne), Luciano Borciani (1° presidente dell’Afri )  e Carlo  Pagliarini (1° presidente dell’Api e poi 1° presidente dell’Arci Ragazzi) furono al centro di quei progetti. Siamo partiti da un caos e dopo una pianificazione abbiamo preso contatto con gli archivi di oltre 100 biblioteche, fondazioni, centri studi e associazioni di rilevanza nazionale con il risultato che dimettere insieme tutti i Pionieri usciti in 20 anni (in varie forme). Per l’Api abbiamo cercato di trovare documenti, libri e testimonianze (anche qui non esiste un archivio generale) fatte dalle associazioni locali e nazionali.  Per l’Afri ( molto sviluppata in Emilia Romagna specialmente a Reggio Emilia) abbiamo ricercato documenti con la collaborazione di Giorgio Boccolari. Tutto questo materiale lo abbiamo trasformato in Pdf e poi pubblicato sui siti citati prima per renderlo disponibile agli storici e agli utenti. La collezione del Pioniere è completa, abbiamo trovato tutti i 935 giornali usciti e sono ora disponibili alla visione gratuita. La collezione de Il Falco Rosso è tutta da costruire. Questo giornale è quasi introvabile. Ora il progetto prevede 3 azioni: la ricerca del materiale dell’Api e dell’Afri, trovare i giornali di area di sinistra che anticiparono il Pioniere e il Falco Rosso dal 1946 al 1950:  ‘Il Moschettiere – Il Pioniere’ – ‘Il Pioniere: avventure di ieri, di oggi, di domani’ – Pattuglia  e  infine “Noi ragazzi : avventure di ieri, di oggi, di domani. E ancora l’organizzazione d’incontri pubblici con le biblioteche, gli storici o le personalità per parlare, non in maniera nostalgica, del Pioniere , de Il Falco Rosso e della storia dell’Api e del Afri”. Domani a Pesaro interverranno vari docenti universitari. In concomitanza anche l’inaugurazione della mostra fino al 9 marzo.