Lettera aperta al sindaco di Fano: “L’ora delle scelte pro bambini e non per le auto”

Il centro storico è un parcheggio a cielo aperto e finora nulla è cambiato rispetto alle passate amministrazioni
3f00fbe5-6344-4d05-808e-639b32c9491fGentile signor sindaco, nell’ambito del suo mandato abbiamo apprezzato il suo interessamento al progetto “Fano città dei bambini”. Anche noi sosteniamo convintamente questo progetto e le scriviamo per ribadire che apprezziamo molto tutti gli interventi che favoriscono l’uso degli spazi da parte degli utenti deboli della strada, in particolare dei bambini.
Ma riteniamo che per fare questo oggi sia assolutamente necessario operare una scelta. Una scelta che favorisca finalmente i bambini perché non è più ammissibile che nella nostra città si continuino a realizzare progetti per favorire l’uso (e qualche volta l’abuso) delle auto. Siamo passati attraverso una stagione di grandi inaugurazioni come la strada interquartieri, la darsena Borghese e via Garibaldi ma quello che ancora attendiamo è la scelta precisa di far utilizzare gli spazi urbani dai bambini e non dalle auto. Il centro storico è un parcheggio a cielo aperto e finora nulla è cambiato rispetto alle passate amministrazioni.
A nulla è valso constatare che nell’unico spazio pedonale della città (piazza XX Settembre) siano nate attività di bar e ristorazione come in nessun altro posto. A nulla è valso constatare che spazi bellissimi del nostro centro storico continuano ad essere ad uso esclusivo o quasi delle auto (piazzale Marcolini, piazza Avveduti, piazza Marconi, piazza A. Costa, via Apolloni, via Nolfi, via Da Serravalle, via Cavour, via Mura Augustee…). La soluzione c’è ed è a basso costo. Si chiama scelta. Scelta fra una piazza piena di auto o piena di persone. Scelta che si può fare presto e a basso costo perché per pedonalizzare piazze e vie, magari gradualmente, basta un’ordinanza. Proviamo a fare qualche esempio: un’ordinanza che tolga il parcheggio dal Corso Matteotti (davanti a Porta Giulia), oppure che vieti l’accesso ai veicoli in via Nolfi Nord, un’altra che vieti la sosta di fronte alla scuola Olivetti, un’altra che impedisca l’accesso in via Da Serravalle alle auto che portano o prelevano i bambini da scuola, un’ordinanza che renda sostenibile il numero dei parcheggi in centro storico, ecc.; in buona sostanza, ordinanze che ci facciano vivere bene nella nostra città.
Attendiamo fiduciosi che lei faccia questa scelta che già altrove ha finalmente restituito ai cittadini spazi più belli, più sicuri e più vivibili; una scelta, pensi un po’, che sempre più spesso viene fatta proprio sotto la spinta degli operatori commerciali!

FIAB Fano For.bici