In viaggio con lo scatolone itinerante e solidale

salus

Si tratta di mettervi dentro ciò che a noi non serve più ma che vorresti torni ad esser utile a qualcuno

Uno scatolone come ideale contenitore di solidarietà
Uno scatolone come ideale contenitore di solidarietà

Parte dai social una nuova iniziativa di solidarietà. Da tempo gira in Romagna ed ora è nato anche da noi. Si tratta di uno scatolone del riuso che gira di casa in casa, di mano in mano tra persone che non si conoscono ma che condividono lo stesso ideale. Lo scatolone è partito da Fano da una ragazza che dopo aver visto quest’iniziativa l’ha voluta far sua, si tratta di mettervi dentro ciò che a noi non serve più, che ci dispiace vendere perché non potresti quantificarne un prezzo ma che allo stesso tempo vorresti che torni ad esser utile a qualcuno, allora vorresti regalarlo, ma non hai voglia di fare foto e postarlo su facebook centinando i possibili riceventi, quindi che fare? Buttarlo, assolutamente, accantonato in garage è la fine che farebbe. Quindi perché non provare? Le regole sono poche ci si prenota nel gruppo facebook “regalo o vendo da 1 a 10 euro Vallata del Metauro” si ritira lo scatolone si dà un occhio al contenuto valutando se qualcosa al suo interno potrebbe tornarci utile e vi si mette quel che vogliamo. Unica cosa è che si possono prender oggetti nel numero di quelli messi all’intero. Poi si passa lo scatolone al prossimo della coda. L’iniziativa è lodevole punta sempre sulla generosità e la buona fede della gente. Come in tutto c’è chi non rispetta le regole, ma chi segue quest’iniziativa cerca di tener sotto controllo anche il furbetto di turno.

Sonia Zanelli