Stanziati 176mila euro per lavori di straordinaria manutenzione sulla provinciale 21 “Piobbico-Urbania”

salus

Tagliolini: “In questo anno e mezzo di chiusura del Ponte dei Conciatori la strada è stata sottoposta al carico dei mezzi pesanti causato dalla viabilità alternativa”.tagliolini-sul-ponte-dei-conciatori-di-urbania

Urbania – Procedono i lavori sul Ponte dei Conciatori di Urbania, nonostante qualche ritardo dovuto allo spostamento dei cavi telefonici in fibra ottica, che ha richiesto accorgimenti tecnici per non creare disagi al circuito produttivo locale. Intanto il presidente della Provincia Daniele Tagliolini ha approvato con decreto il progetto definitivo/esecutivo per lavori di straordinaria manutenzione sulla strada provinciale 21 Piobbico – Urbania. “Visto che la chiusura del Ponte dei Conciatori ha creato disservizi – evidenzia Tagliolini – abbiamo stanziato 176mila euro per ripristinare nel migliore dei modi la strada provinciale 21, che in questo anno e mezzo di chiusura del ponte è stata sottoposta al carico dei mezzi pesanti causato dalla viabilità alternativa”. I lavori consisteranno nel rifacimento della pavimentazione stradale con conglomerato bituminoso (blinder) e tappeto d’usura, oltre alla sistemazione di banchine per migliorare il deflusso delle acque e scarpate stradali. “Oltre a questa importante risposta per la collettività – aggiunge il presidente della Provincia – è previsto un miglioramento della viabilità sulla strada provinciale 4 Metaurense, nel tratto antistante l’intersezione con la strada comunale della Badia, nel centro abitato di Urbania”. “Per molto tempo, a causa della chiusura del Ponte dei Conciatori – dice il sindaco di Piobbico Giorgio Mochi – abbiamo subito tutto il transito dei mezzi pesanti che andavano verso l’Alta Valle del Metauro. Ringrazio il presidente Tagliolini per il riconoscimento di questo disagio: l’intervento sulla provinciale è importante per ridare dignità ad una strada molto trafficata dai tanti piobbichesi ed apecchiesi che lavorano nell’Alta Valle del Metauro”.